Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

01 febbraio, 2018

Le Guere per le Cube


Il carattere dei "mamuli graisani" è notoriamente riconosciuto come "spinoso"  e rileggendo le cronache locali se ne hanno mille conferme.

  Un tempo a Grado le "guere" erano ancora un gioco, si combattevano tra "bande de mamuli", rappresentanti dei "Riuni" e abitanti di una Gravo Vecia che non c'è più, acerrimi nemici sulla carta e strenui difensori del loro territorio.
Ma pur nella loro innocenza queste "guere" avevano delle regole di comportamento, dovevano essere dichiarate formalmente e il campo di battaglia veniva scelto assieme tra bande rivali.
 Massimiliano Cicogna "Massi Tachelo" ci descrive un episodio di queste "Guere" in quella raccolta miracolosa di quotidianità graisana di un tempo che fu  nel suo Libro "Le gno do scale", una guerra rapida cruenta ed innocente.

Oggigiorno noi adulti invece regole non ne abbiamo più e colpiamo preferibilmente alle spalle.

SAVIAL in GUERA CO' STRALONGA 
A la sera stessa se catemo là de la pergola de la Pastora e 'i digo ai mamuli che bisogna preparasse le fionde e le frecce, perchè, Stralonga n'ha dichiarao guera, e quii che faremo prisionieri li portaremo soto al reparo, vè capio?
Si Massi, risponde la banda, ma Vitorio el dise: «ma me hè paura de ciapà 'na pierà in testa», ma va’ cagà, risponde Angelo la Pastora la t’ho un cain de acqua e la ne bagna duti, alora me taco a sigà:
 «’ndè via de qua, bruta vecia pissona, che ogni volta che passemo per de qua ne bagnè».
La vecia la dise: «per forsa che ve bagno, visi de ladri, fè solo confusion». 
«Che credè, che vemo l'età vostra? 
No veghè che semo mamuli», 
«ben vigni drento che ve dago un toco de pan».
La voleva fa la cativa ma in fondo la gera mundi bona, geremo ’ndai duti drento e ela la veva tolto zo dela scansia do carussi e la ne veva dao un toco paròn.
Intanto vien quii de Stralonga per ciapà acordi.
Enio el ne fa: «mamuli, vardè che no bisogna vè paura de quii strunsi, savè, bisogna dai soto!
 ’Ndemo in leto, me in quela note he stao a pensa comò che se doveva fà per vinse la guera.
In quela matina se vévemo alsao bonora, se catemo sul gno balaor e ’i digo ai mamuli: 
«alora ve capio comò che se deve fà per vinse?
Piero e Giani i se sconde in fontego, Toio sul balaor de l’amia Leta, me e Enio che semo svelti femo al giro per Piasseta e voltri stè qua per fà rifurniminti de gogugi per le fionde».—
 Sì Massi, i risponde, «mamuli, semo prunti, via!».
Intanto cu coreva de qua o de là, le piere le svoleva, me serchevo che i mie mamuli vessa meno dani che se podeva.
Gera finio, ma comò dute le guere no xe nè vinti e nò vinsituri, cussi semo 'ndai in tela gno sufita a curasse le bote che vevemo ciapao. 
Alora me ’i digo ai mamuli: «vè visto che ocio nero che ’i vemo fato a Adriano? 
E a tu Piero te fa mal el gnocolo che t'ha in testa? 

La prossima volta dovemo sta più atinti».


Share/Bookmark

Nessun commento: