Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

25 agosto, 2017

MOstra - Grado città balneare. Urbanistica e architettura 1872 – 2017


Sabato 26 agosto alle ore 20.00 presso la Casa della musica di Piazza Biagio Marin a Grado si inaugura la mostra
Grado città balneare. Urbanistica e architettura 1872 – 2017
Realizzata grazie alla collaborazione del Dipartimento di studi umanistici dell'Università degli studi di Trieste e del Comune di Grado e curata dal prof. Massimo De Grassi, l'esposizione intende ripercorrere le vicende urbanistiche ed edilizie dell'isola di Grado dagli anni della nascita della sua vocazione curativa e turistica fino al nuovo millennio, tenendo inoltre conto dei nuovi interrogativi che oggi accompagnano le funzioni e il destino delle città balneari, a cominciare dall'utilizzo del territorio.
La mostra rimarrà aperta tutti i giorni dalle 19.30 alle 22.30 fino al primo ottobre

La nascita di Grado come località balneare e curativa si fa risalire al momento in cui, tra il 1872 e il 1873, il pediatra fiorentino Giuseppe Barellai inizia a costruire un ospizio marino destinato a bambini affetti da debolezze organiche e malattie articolari e ossee. 
In seguito, per il «borgo di pescatori» si profilerà un lento ma costante sviluppo: nel 1892 l'isola viene iscritta nell'elenco ufficiale dei luoghi di cura dell'impero austro-ungarico dopo che due anni prima era stato costruito il primo stabilimento sul mare.
La vocazione balneare della cittadina ne accompagnerà e determinerà la crescita. 
La nuova città si costruirà quindi per parti, tramite successive bonifiche che strapperanno via via sempre nuovi terreni alla laguna fino a raggiungere il perimetro attuale, radicalmente più esteso e variegato.
A partire dagli anni sessanta si assiste a una progressiva deriva in senso speculativo, destinata a soddisfare la proliferazione di seconde case, in genere appartamenti di bassa qualità edilizia e di ridottissima metratura; un processo che mal tollererà le ben proporzionate volumetrie delle preesistenze. 
La conseguenza più evidente sarà la progressiva e violenta sostituzione di un tessuto edilizio di qualità con una cortina di edifici per lo più anonimi dalle volumetrie inutilmente dilatate.





Share/Bookmark

Nessun commento: