Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

08 gennaio, 2018

Ciosoti



I nostri sono  pescatori e marinai esperti che hanno navigato nei secoli  in lungo e in largo l' Adriatico settentrionale, commerciando e pescando, ma esiste un tipo di marinaio che tutti considerano più esperto e nato proprio in acqua:


il Ciosoto:

Vediamone la descrizione in gradese:

Me creo che i ciosoti i vaga navegando 'l mar cò i so bei bragossi de pupe larghe e le vele grande da che mondo ze mondo.

Ne ze de qui che i va a pescà cò le passelere, cò le gumbine e cò i squaineri longovia l' Istria e la  Dalmassia e i te a cuor de tornà in porto carghi a le manichele e ne ze oltri, invesse, che i se da al comersio e i va a vende cò le barche, a sigonda de la stagion, suche porchere, verze, agi, sevole, mili, angurie e patate 'mericane, fando porto una setemana quà e una là.

Le ze bele le barche ciosote, me ricordo cò gero mamolo che le se urmizeva in porto e i marineri i feva al cemo per riparà la roba dal sol  da la piova.
Cò tu passivi tu vighivi i bei teluni piturai cò la tera de ocra e tu sintivi 'l profumo del pesse rustio su la grela sora al fogon de bordo.
Tu sintivi, magari, oltri oduri meno gradivuli, dovui al tanto stà a bordo de sta zente, e su l' acqua galezeva scorsi de anguria e de melon o garghe agio e sevola cagiui fora bordo, ma duto feva parte de l' insieme de un ambiente a tinte vive, tanto che finiva squasi col scomparì  quel per de ciosoti drio a contratà, a vende, a netà, a ocupasse in una parola de i fati sovi.

I ciosoti, e favelo de i marinari de Ciosa, i ze zente brava, lavoraduri senza grili pel cavo anche se un poco massa scuntrusi e lesti, se tu li stussighi, a date serte risposte che le tagia comò corteli pena guai.

Capita raramente de veghe in porto una o più barche senza mercansia.
Ze barche che le ha finio de vende o vignue in serca de scampo perchè fora ze mar grando, perchè i ciosoti ze marineri mundi coragiusi e pratici e per fali sta in tera ne vol proprio mundi.


Tutto è liberamente tratto da "Le Onserne" di  Ferruccio De Grassi

Share/Bookmark

1 commento:

Mario Corbatto ha detto...

Me ricordo co i vigniva e i se meteva co le sove barche colorae sul canton del porto là de l'Ausonia. I vendeva suche, sevole, patate e mili. I riveva co scuminsieva scuola e i 'ndeva via prima de Nadal. Un profumo de mili compagno no se lo à più sintio. Gera i primi ani '60