Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

12 novembre, 2017

Patacheo del Morto





































In un paese dove la fame ha fatto da protagonista per generazioni, i termini che identificano il cibo devono per forza essere poetici, ed è così a Grado in Laguna dove, oltre alla poesia, si inventavano storie per passare i lunghi giorni invernali a cason.
Una di queste storie registrata e poi trascritta in Graisan ve la racconto qui di seguito.

Al  Patacheo de Cason dei Biviacqua

La nona co i primi fridi  la ne prepareva al patacheo, al dolse de cason, che ze un misto de suchero cotto su la piastra del spagher e pinoli.
Per giutala a  falo noltri ‘ndevemo in batela a Isola Gorgo a ingrumà le pigne pè vè i pinoli e per fa fogo co’l resto.

Un giorno la n’ha dito de catai una lastra de marmo per parecià al zuchero coldo del patacheo e cussì pian pianin domalo a son de brassi, missiando al caramelo bruno ai pinoli.

Noltri do, sensa pensai massa, semo ‘ndai drio del simisterio e vemo tolto la prima lastra de marmo che vemo catao sensa fasse veghe dal custode che al gera mundi cativo.

Lavagia la lastra i la vemo portagia a cason e la nona dopo ‘vè impissao al fogo sul spagher  ben gratao co la pagieta  l’ ha ghitao al suchero per caramelalo e zontando pian pian i pinoli.
Noltri co le bave incantesemai a vardala, pò la gheta al composto ingrumao su la piastra de marmo che i vemo portao inumidia perchè al patacheo nol se tachi.

“vardè e imparè mamuli” la ne diseva e intanto co gesti linti ma energici la stendeva al composto su la lastra:
“veghè bisogna domalo e fai vignì fora ogni bola de aria” e stindi e stindi finchè pian pianin al Patacheo al s’ha sfredao e al pareva pronto pel consumo.

La nona lo gira e sorpresa, sul dadrio, sul fondo insoma gera una scrita:

qui giace  …………..pronto per l’ eternità.

Un urlo de la nona e dalongo dopo al sigà per noltri:
“malastritti ‘ndola se ‘ndai a to la lastra, la de la tomba de un morto?”

Se stao duto in t’ un, lastra de marmo e patacheo in sima driti in cavana, che quela volta le gera fonde.

Noltri cursi dalongo fora de cason, chè la nona la veva in man al mestolo e le nostre bave de patacheo finie anche ele in cavana.

Eco, queste storie capiteva in cason dii Biviacqua, al patacheo del morto.


Pecao però al veva l’ aria de esse mundi bon.

Share/Bookmark

Nessun commento: