Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

13 giugno, 2018

LIbeccio (garbin)


foto eseguita con tecnica mista pittorico-fotografica

Ieri un giorno de "garbin" - libeccio -, pesante come il piombo con l' umidità che ti si accolla come fosse un pastrano e poi afa...

"Al Garbin" uno lo sente prima di alzarsi; a letto con gli occhi chiusi, le cose si fanno più pesanti, specialmente il corpo, e ogni cosa costa fatica doppia, specialmente pensare.

L’acqua si fa sorda, i rumori cavi e non c’e proprio niente che brilla, fino all’orlo del mondo. 

 Ma prova ad inspirare ed espirare.

No! non è profumo, è un’ odore antico, ancestrale, il sentire umido che percepisci da  quell'instancabile amplesso tra terra e acqua che ti dona il mare.

E' Natura stordente, primitiva.

Odore che il mare lascia dietro di se con quella disinteressata generosità che appartiene soltanto alla Natura.

Profumo denso da innamorata che è dolce e aspro nello stesso tempo.

Poi ti allontani un poco.

Altri odori di casa; sono quelli spessi di porto.

Odore di corda bagnata, di pesce, di nafta e mare aperto.

Odori sonori che sanno di grida di gabbiani, di rumore leggero, come sfrigolio, che fa il sole quando si immerge nell’ acqua, al tramonto.

Garbin, aria e odori di casa.


Share/Bookmark

Nessun commento: