Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

06 giugno, 2018

Ossi de fantulin





















   "Un corpicino trovato nelle settimane scorse negli scavi in Piazza Patriarca Elia a Grado, ora sottoposto a studio da parte di un’antropologa fisica, a ridosso di Calle Burchio" 
così titola il giornale di questi giorni.
 La storia dei bimbi sotterrati in casa è conosciuta a Grado, io vi racconto questa storia che riguarda un povero bimbo casoner. 
 (mi raccomando non è una notizia è semplicemente una fiaba).

 Grado e la sua gente.
La storia della gente gradese  è fatta di mille episodi raccontati da bocca in bocca, episodi che si arricchiscono e si deformano ad ogni passaggio, assumendo sempre più il colore delle fiabe man mano che il tempo passa.

'Desso se more un fantulin no se se dà pase, ma un tempo i fantulini i gera cussì fissi che no se badeva più de tanto.
Ne muriva tanti de anzoliti e qui sensa batisà i vigniva soterai fora del simisterio.

Un tempo a un casoner i ze morto un fantulin pena nato.
Nissun lo veva batisao e 'l pare nol gera gnanche 'ndao a dalo zo in Comun.
Sto omo no savendo comò fa per soteralo, su la mota mastigagia de l' intemperie no se podeva, l' ha pensao de metelo in t'un cassetin de l' armeron, drento i ha messo un poche de piere, de sora l' ha inciodao do tole e l' ha 'bandonao in mar.

Sto cassetin l' ha scuminsiao 'l so viaso portao de la corente un poco de quà e un poco de là, fin che un zorno in meso Golfo al ze stao visto de un pescaor.
"vara là quela cassa - al sà dito- drento sarà un tesoro!"
Svelto al s'ha 'costao e tirao su la cassa in batelo.
Verta la cassa, al se ha visto i resti del povero fantulin, doboto che i ciapi una sincope.
Passao al momento de paura l' ha scuminssiao  a pensà de cu che al podeva esse sto fantulin, finchè al se ha ricordao de la femena de un casoner che la veva de partorì.

Stò pescaor al ze 'ndao sulla mota del casoner e i ha portao al cassetin col fantulin.
Ze vostro sto povero fantulin morto?- i ha domandao.

Al casoner co lo ha visto al ze scopiao a pianze:
"no catevo più pase de quando che lo he 'bandonao ma...che vevo de fà? Fin a Gravo no podevo 'ndà, vissin cason no se pol soterà e me he pensao de bandonalo in mar.
Ma de quela volta no he catao più pase, no rivevo a durmì perchè che fossa giorno o fossa note,sintivo che 'l pianzeva!".

Cussì giutao del pescaor i lo ha portao a Gravo, fato 'mbenedì e soterao, per fai catà pase, vissin de i oltri anzuliti  fora del simisterio vecio.
Finamente al pare dispiasuo l' poduo dormì in pase.

Questa storia triste ha un fondo di verità e rispecchia le condizioni difficili di vita del tempo cui è narrata, desso i anzuliti no ze bisogno de soterali, no li femo diretamente più nasse. 

Share/Bookmark

Nessun commento: