Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

02 giugno, 2018

Un tempo antico-Girando per le cube


"Le gno do scale" 
una Grado scomparsa che non ritornerà più se non nei nostri ricordi.

Descrive un mondo ormai scomparso da settantanni  con parole leggere, con le ali; parole che fanno nostalgia e hanno odori, suggestioni, rumori per chi ricorda quel piccolo mondo e diverte chi legge la realtà del tempo come storia passata

Leggere Massimiliano Cicogna -"Massi Tachelo"- nel suo libretto "Le gno Do Scale" scritto con il dialetto gradese in uso tra "le Cube" del tempo, ti fa rivivere quadretti di umanità struggente, ti riporta indietro negli anni e leggendo, oltre a vedere la Grado di un tempo che fu, ne senti gli odori, i rumori della varia umanità che gira intorno ai "mamuli de Savial"

Il quadretto che propongo  dipinge con le parole la figura di un artigiano, un calegher, per di più friulano d'origine e quindi la presa in giro dei bambini del Savial è garantita con scoppi di rabbia del poveretto preso per i fondelli:

SIOR IACU FRACANAPA

Lo ciamévemo Fracanapa perché ’l gera de Servignan, el feva ’l calegher propio sul canton dei Stefenini.
El se veva mariao co’ una de Gravo, el gera mundi cativo e ’l sigheva duto al giorno.

Noltri ’ndevévemo a fài dispeti soto al barcon e sighévemo:
 « Fracanapa, Fracanapa », e elo ’l ne rispondeva: « la merda che ve ’ntaca ».

Un giorno passo per de là sensa acorseme, el me ciapa pel cupin, el me tira drento, el me liga sula cariega vissin ala machina de cusì e ’l me dise:
« ciò, bruto fiol d’un can, desso t’ha finio de tóme la vita, te meto una bela siola sula boca (cussi no tu ’i romparà più le bale a nissun).
Me digo: « ma sior Iacu, me no gero 'sta volta, lo zuro! » - el me veva ciapao propio quela volta che no i vevo fato ninte.

Intanto passa Angelo, el me veghe ligao e ‘l taca a sigà:
 « Fracanapa, Fracanapa »,
elo el vien fora per ciapà Angelo e me scampo co' duta la cariega sensa che elo ’l me vega e vago scondeme in curidor de Nando Stefenin.
El torna in botega e nol me cata più.

Me, rivao a desmolàme, 'i porto la cariega fora dela botega e là scuminsio a tòi la vita, e cussi me vevo pagao.

Un giorno gno mare la me manda a portài le scarpe de gno pare ma me no vevo coragio de ’ndà drento, gno mare la domanda al perché, alora me i spiego... gnanche finio me riva un patafòn in viso:
 in quela volta i genituri i gera fati cussi.
M’hè fato coragio e son ’ndao drento:
 « buongiorno sior lacu », « qua tu son e t'ha coragio de vigni drento, fassia tosta! ».
I domando scusa, la vegarà che d'ora in poi no 'i diré più cussi, — bon vegaremo —. 'I lasso le scarpe e vago via.

De quela volta semo diventai amici.
Share/Bookmark

Nessun commento: