Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

25 giugno, 2018

Strade in Grado


Capita a volte di trovarsi in viuzze poco praticate e ti scappa lo sguardo sul loro nome, è successo per caso; ero in Via Gramaticopulo.

La stranezza della dedica ad un personaggio con un cognome poco comune a Grado e apparentemente avulso alla storia paesana che conosco mi ha incuriosito e spinto a cercarne l'origine.

Sorpreso scopro una parte di storia locale quasi dimenticata della 1^ guerra mondiale:

Gli aviatori a Grado, la loro gioventù e l'inesauribile fiducia i se stessi, la simpatia, il loro farsi voler bene dalla popolazione civile così provata dalla guerra e disorientata dai cambiamenti di fronte, il loro ardimento (già volare con quei catorci di legno e tela era ardimentoso) insomma il meglio della gioventù italiana continuamente in missione di guerra.

La via Gramaticopulo, una viuzza nei pressi del Castelletto è stata dedicata ad uno di questi aviatori ardimentosi.

Ernesto Gramaticopulo di Capodistria, volontario dell'Esercito Italiano con base a Grado fu abbattuto nel giugno del 1917 nel cielo della sua città Capodistria, dalla difesa contraerea.

Il fatto che fosse di origini Capodistriane indica che scelse di combattere con l' Italia contro la patria originaria l' Austria, uno dei tanti che in quegli anni difficili si trovarono a dover fare scelte sanguinose tra Patria e ideali, non un eroe ma figlio del suo tempo che pagò con la vita il suo voler essere italiano.


Il suo sacrificio è stato ricordato dall' Amministrazione Comunale con la dedica di questa via vicino al suo mare. 
 

Share/Bookmark

Nessun commento: