Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

15 giugno, 2018

Tagià Tabari (Sparlare)


Una delle doti riconosciute al gradese autoctono è la predisposizione alla musica ed il bel canto, il nostro dialetto ha una cadenza quasi musicale e ben si presta alla scrittura di testi da trasformare in canzoni.
Un' altra dote riconosciuta è la predisposizione alle "ciacole", i "sussurri delle cube" come preferisco chiamarli io.
Tagià Tabari - "Sparlare" -  è uno sport a Grado con campioni ben noti e sempre in allenamento. 
Giovanni Marchesan "Cavalin" in collaborazione con Arturo Marin ha scritto questa canzone che ne fa un quadro efficace:

Tagia Tabari 

Son 'ndào a spetà gno mare là de la paruchiera, 
le femene col casco che le se 'nbrostoleva
 le ciacoleva mal de amissi e de parinti
 pareva de catasse in t'un covo de sarpinti. 

Col comio sora 'l banco bevendo un per de quarti 
i tagia più tabari de sento e vinti sarti, 
le petole le và, comò le piume al vento
 i passa garghe oreta co stò divertimento.

 'Na volta gera peso, ne l'hà contào gno pare, 
i feva anche le gare in duta la region; 
le gare ze stàe fate però ze stào i graisani 
che ha vinto 'l campionato.

I graisani no i hà lengue 
ma i hà spade e baionete,
 co le ciacole i fà a fete 
al più onesto citadin. 

Quela l'hà le ganbe storte 
stò oltro xe un piogìo refào 
quel là al xe bon de ninte...
sò marì 'l xe alculisào, 

Ne vien dite de ogni sorta,
 cativerie un magasin.
ma me creo che sia de vero
 ...solamente un giossetin. 

Graisani buni e cari 
bravi de tagià tabari. 


(Giovanni "Cavalin" Marchesan)

Share/Bookmark

Nessun commento: