Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

04 ottobre, 2017

A Mila Tarlao Kiefer



Mila  Tarlao in Kiefer, gran donna, profonda cultura e come sempre accade a chi vive fuori Grado ma è profondamente gradese innamorata persa del suo paese e delle sue tradizioni, ha lasciato dietro se una scia di malinconia per questo nostro paese, così ricco di storia e storie, così orgoglioso a tal punto da essere autolesionista, così profondamente maltrattato dai suoi stessi figli.

Maria Tarlao, figlia di una delle famiglie più in vista di Grado, studi a Gorizia e a Graz, ha profuso energie enormi nel tentativo di diffondere in Grado la cultura dei vecchi, la saggezza di un dialetto intoccato nei secoli, ha dato tutto se stessa ai bambini assieme a quell'altro monumento di donna Maria Marchesan "Stiata" prodigandosi e dividendosi tra bimbi e anziani con l' Associazione la Bavisela.

Io ne ho fatto diverse volte un faro per le mie ricerche sulla storia del nostro dialetto e i suoi scritti continueranno ad illuminare una via percorsa da pochi.
La ricordo con affetto.

Il suo amore per il suo paese, che sapeva descrivere come pochi, si sente da queste sue parole:

Grado geograficamente fa parte del Friuli.  
Fra quella che usiamo chiamare terraferma e l’ Isola nostra si stende uno specchio lagunare che conta circa sei chilometri.
La laguna è di per se un paesaggio molto particolare, ma trovare un altro luogo dove il configurarsi di una laguna sia giunto a rappresentare un confine tra due mondi diversi, due storie, due lingue, è impossibile. 
Volendo riflettere e riguardare alla singolarità del nostro passato
– e scoprire così le radici del nostro presente – resteremo ancora
una volta sorpresi.
 
Infatti, mentre i nostri fratelli di terraferma possono seguire il loro cammino nel tempo alla luce di abbondanti testimonianze storiche e letterarie e di cultura, dietro le nostre spalle sta un buio di quattordici secoli, «praticamente dal tempo delle epigrafi romane fino al secolo scorso»

Una persona di grande umanità e cultura, che, tra l’altro, le valse nel 1998 la consegna
da parte dell’allora Azienda di Promozione Turistica del “Premio Spilla d’Oro di Grado”.

Il suo grande amico e conterraneo Giovanni Marchesan Stiata per ricordarla  le ha dedicato queste strofe:


La tova anema
La xe sempre restagia
A qua, ne la to isola.

Un zorno anche la to senere
Tornerà e le se missiarà
Co'l biondo sabiòn dei nostri lidi
Là - davanti del tovo mar.
E sarà la pase eterna.

A Mila Tarlao, cittadina gradese di Graz

Herbst 
Die Blätter fallen, fallen wie von weit, als welkten in den Himmeln ferne Gärten. Sie fallen mit verneinender Gebärde. Und in den Nächten fällt die schwere Erde aus allen Sternen in die Einsamkeit. Wir alle fallen.

Autunno 
Le foglie cadono, cadono da lontano, come se giardini lontani sfiorissero nei cieli.
Cadono con gesto di rifiuto E nelle notti cade la terra pesante da tutte le stelle nella solitudine.
Noi tutti cadiamo. 
Rilke

Share/Bookmark

Nessun commento: