Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

26 settembre, 2017

Nuovi "Graisani" - I Taliani



"nella foto alcuni dei primi Taliani a Grado"  


Per dare un senso alla comparsa a Grado di cognomi non rigorosamente autoctoni bisogna andare indietro nel tempo e vedere un po il pregresso storico:

Nelle vecchie provincie austriache col nomignolo di Taliani si indicavano gli altri, quelli di oltre Tagliamento.


A Grado -più conservatori - il confine con l' Italia era a Porto Buso - i Taliani erano e sono più genericamente gli altri (tutti i foresti), noi "graisani" siamo sempre qualcosa di diverso.

Nel 1915  spinti dall'evolversi dell'evento bellico giunsero a Grado un centinaio di marinai italiani provenienti dalle più disparate provincie, comandati dal Capitano Michelone.


Diversi di questi marinai, finita la guerra, si sposarono con ragazze gradesi dando vita a nuovi gruppi familiari con cognomi diversi da quelli usuali.

Altro effetto importante per Grado, con la loro presenza e permanenza sul territorio segnarono una linea di frattura tra il dualismo politico del tempo, contrassegnato sino ad allora dalla divisione Pro Austria e Pro Italia , delle famiglie abbienti gradesi che avevano governato il paese, portarono con la loro differente visione di vita e di cultura uno nuovo modo di intendere la partecipazione alla cosa pubblica che alla fine si rivelò per noi "poveriti" simile alla precedente, persistendo  l' esclusione decisionale  del popolino, e con protagonisti diversi, si alimentò  con continue "barufe" e cambiamenti di campo la confusione politica.

Inizia l' epopea del partitismo, tuttora in corso d' opera.

Ne seguirono molti altri e i figli di quei matrimoni sono ormai nonni e i loro nipoti residenti sull'Isola si sentono, giustamente, gradesi autentici ma non per questo, per i puri e duri, meno "Taliani".

Al Graisan ze un testa dura.


Sapevatelo !
Share/Bookmark

1 commento:

Mario Corbatto ha detto...

Anche a Trieste, 'ndola che è vissuo per quasi 8 ani tra la fine dei '70 e i primi '80, al termine "talian" al xè mundi in voga (diravo anche de più che no qua a Gravo...).
Al nono de un mio amico de Terso al gera de un paese del delta del Po e per la zente de Terso anche elo al gera un "talian"...